CLOUD

Inventare, e se piace produrre. Richard Clarkson fa lievitare a suon di musica. Cloud è un altoparlante che fa vibrare, innalzare e ruotare le note. Una nuvola che grazie al Bluetooth e luci a LED, trasforma l’ ambiente in un piccolo cielo in movimento, niente fulmini e saette, solo stravaganti percezioni. In versione sospesa o a terra, rimane un presagio temporale.

http://www.richardclarkson.com

text, VD Team

 

The One Moment/Ok Go

L’ innovazione è sempre stata per gli Ok Go l’ arma giusta per sparare e fare centro. Non che la loro musica passi in secondo piano, ma sono i video a far sì che in loop si continui e ricontinui a cliccare il tasto play. Dopo le famosissime, imitatissime coreografie sul tapis roulant in “Here It Goes Again” (2009), oggi condensano in 4.2 secondi il nuovo video “The One Moment”. Diretto da Damian Kulash, sintetizza la canzone di 3.44 minuti; la suggestione è inevitabile, sperimento visivo che non può che confermare la lungimiranza artistica del quartetto di Chicago. Pura esplosione figurata. Fate una prova: contate fino a 4, osservate, slow motion, attimi rallentati fino a 20.000 per cento.

http://www.youtube.com/watch?v=QvW61K2s0tA

http://www.okgo.net

text, VD Team

 

 

Ektra

Tutti fotografi. Si nasce artisticamente dotati, ma lo si diventa ancor di più perfezionandosi e seguendo l’ evoluzione tecnologica. Vedo, scatto, lavoro. Ektra di Kodak è lo smartphone  progettato per chi ama imprimere ed esprimere. Quando e dove si vuole avremo sempre immagini nitide, gestibili e modificabili per rendere personale ogni segno. Tradizionale la presa orizzontale come da copione storico, innovativa nel dispositivo che dispone di ben 8 app. Sensibile anche nel tipico rumore della pellicola che si avvolge ad ogni clic. Mix perfetto. Tutti in posa.

http://www.kodak.com

text, VD Team

Bake

yota-kakuda-bake-cheese-tart-kitasenju-bakery-interiors-tokyo-japan-designboom-06

Un contenitore dove tutto quello che si guarda si compra e si mangia. Dove? A Tokyo. Il designer Yota Kakuda accontenta i giapponesi che amano la cheese cake dando vita e colore ad un panificio dal design trasparente acrilico, Bake, dove le sfumature del rosso, arancione, giallo e rosa sono neon per i passanti. La superficie interna cambia luce in base al calore prodotto, ogni cottura assume pigmenti diversi, un arcobaleno in movimento. Le torte sembrano sospese e pronte per essere prese. Tecnologia culinaria futuristica, un profumo anche per la vista.

http://www.yotakakuda.com

Muvbox

Cibo in movimento, architettura al servizio di tutti. Sembra atterrato dal cielo Muvbox, un fast food spaziale. Dall’idea di Daniel Noiseux, il ristorante mobile: si può spostare dovunque si voglia, poche manovre per aprirlo e trasformare il tutto, e servire circa 30 clienti. La struttura è realizzata utilizzando un vero container dismesso e riadattato, i pavimenti sono stati realizzati con pneumatici riciclati mentre il sistema di pannelli solari installato sul tetto genera l’ energia necessaria per alimentare i fuochi della cucina. Street Food solutions.

http://www.muvboxrestos.com

Studio E.O/Boréal

Tradurre la musica in disegni? Studio E.O, Anton Alvarez e Erik Olovsson, in collaborazione con il quartetto musicale Boréal, ci sono riusciti. Utilizzando una membrana dell’ altoparlante, una matita e un software collegati tra loro, hanno costruito una macchina che traduce le vibrazioni soniche. Ogni disegno racchiude il senso dell’ opera. Il box è costituito da nove tracce/disegni, una track list da ascoltare e guardare e viceversa. Il tutto venduto in un packaging fatto a mano, numerato e limitato in 100 copie.

http://www.studioeo.se