CRAIG GREEN SS18

Craig Green SS 18

Nuova semplicità, uniformale e quotidiana. Stampato, estivo, geometrico, quello che avverrà per la SS18 secondo Craig Green, da sempre intenzionato a gigantografie da indossare e linee da interpretare. Casual sartoriale, sculture comode da indossare. Simbolismo evidenziato, tagli, allungamenti, deformazioni. Descrizione disinvolta di libertà che passa anche nel vestire.

http://www.craig-green.com

Editor, Carola Bianchi

Pedro/Prada/Miuccia/Almodóvar/Pedro/Prada/Miuccia/Almodóvar

365PROJECTPRADA

Che l’ inattaccabile Miuccia ami il “brutto” e tutto quello che ne deriva, ormai è cosa buona e fatta. Che poi si accosti artisticamente a sapienti fotografi questo è certo, ma che tra i personaggi tirati in ballo per le campagne pubblicitarie si potesse pensare a Pedro Almodóvar, risulta poco rassicurante. Che voglia dormire sogni tranquilli? Poco importa, anche questa volta ha fatto centro. Niente appare malato o sfoderato come un vecchio sofà, la pulizia fisica sembra stata accettata. Uno dei pochi registi spagnoli famosi oggi, sembra esibirsi in un lungometraggio di prova, scartato, ma chiaramente dall’ impronta originale e veritiera. Progetto 365, collezione uomo 17/18, varie inquadrature scattate da Willy Vanderperre. Pedro è il nuovo “faccione” di Prada. La scena è vera, retro-scena.

http://www.prada.com

Editor, Carola Bianchi

Artwork, VD Team

Moncler Postcards Series

Difficile sdoganare l’ associazione tra oggetto e funzione. Se pensi ad un giubbotto, “piumino” per antonomasia associ subito il brand. Sarà forse che l’ azienda è famosa per quello… o gli status symbol sono indelebili e retorici? Allora cambiamo la stagione, e un Moncler diventa giustissimo per l’ estate. Si celebra con una nuova campagna dalle basiche ispirazioni, per non lasciar nulla al caso: la spiaggia. Rosso, giallo, blu e bianco sono i colori, tecnologia e artigianalità il mood. Eccole, le cartoline stampate realizzate dall’ artista parigino Jean-Philippe Delhomme: “Tutto benissimo, stiamo bene, c’è il sole, buone vacanze, un saluto e una firma (in questo caso leggibile).

 

http://www.moncler.com

Editor, M.P.

LV♥JK

jeff-koons-louis-vuitton-maestri 4

Un museo in viaggio con noi. Cinque opere d’ arte: “La Gioconda” di Leonardo Da Vinci, “Campo di grano con cipressi” di Van Gogh, “Marte, Venere e Cupido” di Tiziano, “Caccia alla tigre” di Rubens, “Ragazza che gioca col cane” di Fragonard, tutte riprodotte fedelimente su borse, zaini e accessori. Le capsule Maestri di Louis Vuitton e Jeff Koons insieme per passione e lo status diventa iconografico. Il lettering LV accoglie JK, e insieme stanno bene. Il tutto impreziosito, in tutti i sensi, da un charm a forma di coniglietto gonfiabile, elemento che ha segnato i 40 anni di carriera di Koons. La moda ama la cultura: all’ interno della borsa si trovano una biografia e un ritratto del Maestro il cui lavoro è rappresentato.

http://www.louisvuitton.com

photo, Maciek Kobielski

text, VD Team

 

 

Comme des Garçons+Supreme

comme-des-garons+supreme

Non più in fila, le passerelle sono morte, ci sono solo le strade che creano il vero show, lo spettacolo dove chiunque può trarre le proprie considerazioni/ispirazioni. Comme des Garçons e Supreme, è streetwear degenerativo. L’ unicità si sviluppa soltanto se si rompono le regole, si spezzano le file e si smette di marciare.
Questa capsule collection sovrappone i due loghi, riveste i preconcetti e delinea che gli opposti si attraggono.

http://www.comme-des-garcons.com

http://www.supremenewyork.com

 

text, VD Team

hi (at) stephen-mcdermott (dot) com

Se pensavi avessero dei dubbi sui tuoi orientamenti sessuali, se a volte ti chiedi come poter enfatizzare quello che veramente ti piace o “se” e i “ma” ormai stancano la tua routine… Stephen McDermott disegna, progetta e pubblica, andando dritto al punto. Tutto quello che serve per non farsi troppe domande, dai colori alle forme, basta con i top-secret. Una collezione di tutto, ben costruita, per non essere fraintesi. Mood anni 70, grafiche 80s, interpretazione sfacciata.

http://www.stephen-mcdermott.com

text, VD Team

Petra Collins “The Surreal Voyage”

 

http://www.gucci.com

http://www.petracollins.com

text, VD Team

American Classics Campaign: CK

Il nuovo giorno, un passo in più, voltarsi e celebrare l’ America e la sua arte. La campagna pubblicitaria di Calvin Klein, la prima sotto la direzione di Raf Simons, presenta come scenografie opere classiche americane sottoesposte allo status CK, jeans e biancheria intima, icone del brand. Destini incrociati e rivolti al dialogo. Andy Warhol, Richard Prince, Sterling Ruby in silenzio parlano ancora supportati da movenze estetiche. Conversazioni-carabattole del ventesimo secolo.

http://www.calvinklein.com

text, VD Team

 

COSMOS

Vestirsi d’ arte, un pezzo da collezione da avere, indossare, e posizionare. Come un oggetto da esporre, il designer Bradley L. Bowers, unisce artigianato e tecnologia per la collezione COSMOS, se fossero solo sciarpe sarebbero poco interessanti, ma è il lato sorprendentemente celato che invoglia l’ attenzione. Colori che formano costellazioni progettate utilizzando algoritmi generativi destinati a svanire, sciolgliersi, liquefarsi per poi riunirsi. Tutto in movimento. Il corpo diventa il motore, la seta sanguina sfumature; avanguardia interpretativa.

http://www.bradleylbowers.com

text, VD Team

Marni @ Francesco Risso

Specchio specchio delle mie brame chi è il più Marni del reame? Donna che va uomo che arriva. Au revoir Consuelo, benvenuto Francesco. La maison riparte da zero, nuovi elementi più semplici da codificare, uno sguardo attento street-credibility e chiaramente digitale. Chiaro richiamo all’ essere adesso più che farsi suggestionare da attitudini vintage. Francesco Risso tiene qualche colore, alza il target e rende tutto possibile. Poche cose per grandi rivoluzioni, silenziose ma ben visibili. L’ uomo è informato in un codice binario, all’ opera creando e lavorando davanti ad uno schermo. Romanticismo digitalizzato. Passato=andato.

http://www.marni.com

text, VD Team