VENUS

ADVERTISEMENT

Ci sono sempre storie incedibili dietro ad ogni progetto. Significati presi e rivisti in chiave a volte surreale ma non per questo inesistenti. Fabio Novembre, da sempre usa  incorporare il corpo umano e lo presenta come parte integrante dell’ opera. Si fissa su figure mitologiche, memorie fatte di facce e muscoli. Nudi velati, immaginarie follie che diventano esplorazioni utili come Venus, la libreria per Driade. Ha pensato alle casse in legno utilizzate dai musei per il trasporto di statue porzionato in cinque pezzi e all’ interno la sopresa è ben visibile.

http://www.driade.com

text, VD Team