Mirror Ball

L’ idea iniziale può mutare e se evolve o cambia poco importa; la Mirror Ball di Tom Dixon ne è un esempio. La lampada diventata un must doveva essere un oggetto sicuramente sferico, ma nonostante l’ effetto a specchio non doveva riprodurre fedelmente chi la osservava, nessun contorno doveva delinearsi, invece il risultato finale è esattamente contrario, l’ idea “stroboscopica” si sposta più lontano. A volte il più grande fallimento potrebbe essere il più grande successo, il pensiero ci porta alla mente i casci spaziali, dove tutto quello che esiste all’ esterno è ben chiaro e magicamente senza riflessi. Il design metallico interno propaga la luminosità della lampadina proiettando un fascio di luce morbido e ampio. In coppia o in gruppo l’ effetto galassia è irreversibile.

http://www.tomdixon.net

text, VD Team

 

Annunci